Prima tappa della Absa Cape Epic nemmeno la sfortuna ferma Luca Chiodi

Sullo stesso argomento
Ultimi articoli
Newsletter

Viterbo | mountain bike

Prima tappa della Absa Cape Epic
nemmeno la sfortuna ferma Luca Chiodi

Oggi, dopo il prologo di domenica, la prima vera gara in Sudafrica. Guasto tecnico per l'avvocato sprint viterbese: «Reggiamo l'anima con i denti e andiamo avanti»

di Sabrina Mechella

Luca Chiodi e Angelo Di Veroli
Luca Chiodi e Angelo Di Veroli

“Reggere l’anima con i denti”, questa la parola d’ordine per Luca Chiodi, viterbese - avvocato per professione, biker per diletto – che in coppia con l’italo-israeliano Angelo Di Veroli sta disputando l’Absa Cape Epic in Sudafrica, gara in mountain bike a tappe. Oggi, dopo il prologo di domenica, la prima vera tappa, quella che ha fatto capire ai 1200 atleti partecipanti provenienti da ogni parte del mondo (e tra questi i più forti specialisti delle ruote artigliate) le reali difficoltà della competizione.

Un momento della gara Absa Cape Epic in Sudafrica
Un momento della gara Absa Cape Epic in Sudafrica

Un percorso di 113 chilometri con 2800 metri di dislivello, disputata tutta sotto la pioggia. Settantaseiesimi assoluti e 17esimi nella categoria Master. Gara chiusa con il tempo di 7 ore, 5 minuti e 32 secondi. Non c’è che dire, un ottimo risultato ma qualcosa da recriminare la coppia Chiodi-Di Veroli ce l’ha, eccome. Entrambi hanno avuto problemi tecnici alle forcelle tanto da essere costretti a rallentare molto nelle lunghe e difficili discese incontrate sul percorso. E non finisce qui, adesso stanno facendo una corsa contro il tempo nella speranza di una riparazione che gli consenta di tornare in gara in piena efficienza tecnica.

«Faremo l’impossibile per ripartire e portare a termine tutte le tappe della Absa Cape Epic – ha dichiarato Luca Chiodi subito dopo l’arrivo a Elgin – consci anche del fatto che la competizione è solo all’inizio e bisogna sapersi amministrare le forze. La nostra ambizione è quella di dare il massimo e ben figurare, d’altro canto stiamo vivendo un’esperienza eccezionale che in molti ci invidiano. E per questo non ne vogliamo sprecare nemmeno un istante».

Per la cronaca: la tappa di oggi è stata vinta dalla coppia formata dallo svizzero Chistoph Sauser, vincitore delle tre precedenti edizioni, e dal ceko Jaroslav Kulhavy, campione olimpico 2012.

Un momento della gara
Un momento della gara

Oggi secondo stage, partenza e arrivo a Elgin, per 92 chilometri di lunghezza e 2300 metri di dislivello.

Lunedì 16 marzo 2015

© Riproduzione riservata

1841 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: