Elezioni Ordine giornalisti, seggio a Viterbo

Ultimi articoli
Newsletter

Viterbo | il 1 e 2 ottobre

Elezioni Ordine giornalisti, seggio a Viterbo

Per la prima volta il capoluogo della Tuscia ospita la sede per le elezioni dell’Ordine nazionale e regionale dei giornalisti. Una scelta che cade anche su Latina oltre a Roma

Redazione Online

Paola Spadari, presidente Ordine giornalisti del Lazio
Paola Spadari, presidente Ordine giornalisti del Lazio

Per la prima volta Viterbo ospita il seggio per le elezioni dell’Ordine nazionale e regionale dei giornalisti. Una scelta che cade, oltre che sul capoluogo della Tuscia, anche su Latina, oltre a Roma. In pratica le due province che negli ultimi anni nel Lazio si sono distinte più delle altre in quanto ad attività professionale e sindacale. Una scelta che dà prestigio all’intera categoria e che sprona a fare di più e meglio in un settore, quello dell’informazione, che sta attraversando una crisi profonda sia in termini di numeri che di contenuti. Così facendo i vertici dell’Odg vogliono coinvolgere tutti i giornalisti residenti in provincia evitando ai singoli giornalisti di doversi recare nella Capitale per esprimere il proprio voto.

Novantacinque professionisti e 320 pubblicisti, tanti sono i giornalisti viterbesi chiamati alle urne domenica e lunedì prossimi. Si vota per l’elezione dei consiglieri e del collegio dei revisori dei conti del Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti del Lazio e del Consiglio nazionale dell’Ordine.

Per quanto riguarda la Tuscia le urne saranno allestite al Caffè Letterario in via Garbini 59, a Viterbo. Si vota domenica 1 ottobre dalle 11 alle 14 e lunedì 2 dalle 14 alle 19. L’eventuale e probabile ballottaggio si terrà nella stessa sede con gli stessi orari domenica 8 e lunedì 9 ottobre. Possono partecipare al voto i giornalisti iscritti all’Ordine dei Giornalisti, residenti nella provincia di Viterbo, la cui posizione amministrativa risulta in regola. Professionisti e pubblicisti votano ognuno per i propri rappresentanti: per il Consiglio nazionale, per il Consiglio regionale e per quest’ultimo anche per il collegio dei revisori dei conti.

Mercoledì 27 settembre 2017

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: