Anniversario scandalo "Mani pulite" ma Tangentopoli è nata a Viterbo

Ultimi articoli
Newsletter

Viterbo | storia italiana

Anniversario scandalo "Mani pulite"
ma Tangentopoli è nata a Viterbo

Oggi sono 25 anni dalla nascita dell'inchiesta milanese, tutti i media nazionali lo ricordano. Ma non tutti sanno che la prima vera indagine giudiziaria sulla corruzione esplose a Viterbo

di Gianni Tassi

Donatella Ferranti e Vincenzo Cianchella
Donatella Ferranti e Vincenzo Cianchella

Storia vecchia quella della discarica di rifiuti di Tarquinia. Ancora più vecchia di un paio di mesi di quella poi passata alla storia come la Tangentopoli milanese e Mani pulite. Oggi il 25mo anniversario dalla nascita dell'inchiesta, celebrata su tutti i media nazionali e così famosa da essere ricordata in una fiction televisiva, “1992”, ideata e interpretata da Stefano Accorsi e che tanto successo ha ottenuto al festival del cinema di Berlino. Ma non tutti sanno che la prima vera indagine giudiziaria sulla corruzione esplose a Viterbo. Discarica uguale tangenti, uguale sei arresti eccellenti. Un senatore della Repubblica e amministratori pubblici che finiscono in galera per aver incassato mazzette milionarie dai titolari dell’impianto di smaltimento. Nella Tuscia accade prima ancora che a Milano dove Mario Chiesa, esponente del Psi milanese e presidente del Pio Albergo Trivulzio, due mesi dopo farà venire a galla la questione della tangentopoli più clamorosa della storia della repubblica italiana.

Da sinistra Antonio Di Pietro, Gerardo D'Ambrosio, Gherardo Colombo e Piercamillo Davigo
Da sinistra Antonio Di Pietro, Gerardo D'Ambrosio, Gherardo Colombo e Piercamillo Davigo

Una vicenda, quella viterbese, che esplode come una bomba a metà dicembre del 1991. Tutto comincia con la denuncia di alcuni sindaci della Tuscia costretti a conferire i rifiuti comunali nella discarica tarquiniese. La mattina del 17 gli uomini della Squadra mobile della Questura, su disposizione del sostituto procuratore Donatella Ferranti (oggi presidente della Commissione Giustizia alla Camera) e diretti da Vincenzo Cianchella, bloccano l’allora presidente dell’amministrazione provinciale, Claudio Casagrande, all’uscita della discarica e gli trovano nella tasca della giacca 15 milioni di lire in contanti, banconote in precedenza tutte segnate. Secondo il sostituto procuratore che conduce le indagini è la mazzetta incassata poco prima proprio dalle mani dei due titolari dell’impianto di smaltimento, i fratelli Ottavio e Pietro Castelnuovo. Oltre ai soldi gli ispettori Angelo Romano e Danilo Garulli trovano anche un elenco di nomi con le rispettive quote spettanti. Prima Casagrande poi Lodovico Micci, assessore provinciale all’Ambiente, vengono portati in Questura e interrogati fino a tarda notte.

L’arresto però scatta due giorni più tardi. Micci finisce in carcere mentre Casagrande, intuendo gli avvenimenti, si rende irreperibile per 14 giorni e si presenterà spontaneamente sulla porta del carcere di Viterbo in compagnia del suo avvocato. L’11 gennaio le manette scattano ai polsi di tre amministratori comunali di Tarquinia, anche loro socialisti e anche loro accusati di concussione: il vicesindaco Domenico Natali, e gli assessori Angelo Renzi e Giuseppe Zanoli. Il nome del senatore Roberto Meraviglia, nonchésegretario provinciale del Partito Socialista, tarquiniese pure lui, rimbalza più volte sui tavoli delle redazioni ma si salva protetto dall’immunità parlamentare, nei suoi confronti la Procura non può avviare alcuna indagine. Intanto l’inchiesta giudiziaria va avanti tra interrogatori, richieste al Tribunale della Libertà e incidenti probatori. Da Viterbo, il 15 gennaio, parte la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti del senatore Meraviglia. Ma non sarà poi necessaria, l’esponente socialista viene scaricato dal suo partito che non lo ricandida alle Politiche del 4 aprile e 20 giorni dopo decade ufficialmente dalla carica parlamentare.

Il 23 maggio, a cinque mesi dai primi clamorosi avvenimenti, anche per lui si aprono le porte del carcere di Santa Maria in Gradi. Il 7 dicembre 1992 la sentenza del tribunale di Viterbo. Meraviglia e Casagrandevengono condannati a 4 anni di carcere, per Micci 3 anni e quattro mesi, per Natali un anno e dieci mesi. Per tutti c’è anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, il risarcimento alle parti civili e il pagamento delle spese processuali. Zanoli e Renzi in precedenza avevano patteggiato a 23 mesi.

Venerdì 17 febbraio 2017

© Riproduzione riservata

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: